Scienza, Guerra, Società: quarantine series

Scienza, Guerra, Società è il ciclo di incontri che si sarebbe dovuto svolgere questa primavera al Palazzo Ducale di Genova, per dialogare sui collegamenti tra ricerca e applicazioni militari, ma anche su che tipo di scienza vorremmo in quale società. Una piccola bibliografia di riferimento è in costruzione qui.

Visto che, a causa del lockdown, anche il nostro ciclo di eventi è saltato, abbiamo sfruttato i poteri delle telecomunicazioni per avere delle conversazioni sugli stessi temi e, perché no, anche un po’ sul coronavirus.… Read the rest

La modellizzazione matematica dell’epidemia: usi e abusi

Un’intervista a Giuseppe De Nicolao e Tommaso Dorigo

[Illustrazione di Andrea De Franco]

All’edizione di Festivaletteratura a cui avevate partecipato grossa parte della programmazione scientifica era dedicata all’uso e abuso della statistica, dentro e fuori le scienze. Con l’insorgenza dell’epidemia, varie comunità accademiche (fisici, computer scientists, etc.) si sono mobilitate per fare analisi dati, che vengono aggiornate giorno per giorno.

Giuseppe De Nicolao: Personalmente mi sono mosso malvolentieri quando ho capito che c’era un TIR in arrivo e che il Governo pensava di aver fatto abbastanza, ritenendo di non dover introdurre correttivi per altri 4-5 giorni.… Read the rest

Scienza, Guerra, Società. Kick-off

29 gennaio, evento kick-off: fondi di ricerca e tecnologie dual-use

L’uomo è l’unica specie animale che commette omicidio intraspecifico: uccide i propri simili. Secondo gli etologi, i due fattori cruciali che hanno determinato questa particolare “evoluzione” sono il linguaggio e la tecnologia.

Il linguaggio permette di disumanizzare il nemico, che diventa una bestia, una zecca. Il linguaggio è fondamentale nella guerra per veicolare le ideologie, in particolare l’ideologia della superiorità di un gruppo rispetto ad un altro.… Read the rest

Ibridazioni narrative: come ripensare la comunicazione scientifica

[Il 13 Settembre 2019 siamo stati invitati a proporre un panel al congresso dell’Associazione Di Italianistica, quest’anno dedicato a scienza e letteratura. Questa la nostra proposta]

“Il buco dell’ozono sulle nostre teste, la legge morale dentro di noi”
Bruno Latour, Non siamo mai stati moderni, Elèuthera (2015)

Nel suo saggio di antropologia simmetrica Non siamo mai stati moderni Bruno Latour critica la visione moderna del mondo suddiviso in strutture pure e disgregate quali natura e società, auspicando per contro il pieno riconoscimento degli ibridi che ci circondano.… Read the rest

{#7} Science before Christmas

«È legittimo estrapolare dal discorso delle scienze un’immagine del mondo che corrisponda ai miei desideri?»

Italo Calvino, Lezioni americane

Cari festanti,

si avvicina l’amato e temuto periodo! Ricettacolo di ipocrisie o occasione per incontrare i cari? Momento di sobrio raccoglimento o di sfrenato consumismo? A ciascuno il suo…

Noi di ExTemporanea, approfittando del rientro a casa di molti dei nostri volontari, stiamo organizzando una festa per chiudere il percorso di Scienceground 1.5 e inaugurare quello di Scienceground 1.66666… Due giornate di attività all’insegna dell’incontro tra scienziati e scrittori, antropologi, filosofi, in cui riproporremo alcuni dei laboratori e percorsi che abbiamo condotto a Festivaletteratura, e sperimenteremo nuove forme di espressione e contaminazione.… Read the rest

It’s symbiosis, baby

Incontro Scott Gilbert in un tardo pomeriggio di fine estate a Venezia, mentre è in corso la 59esima Biennale d’arte dal titolo evocativo “May you live in interesting times”. Gilbert è embriologo e biologo evoluzionista ma si occupa anche di storia dell’embriologia, di arte e di religione. Ama tracciare inattese connessioni e raccontare storie sempre nuove. Così, mentre lui mi mostra entusiasta il volantino del padiglione “Weather Report: Forecasting Future” io accendo il mio registratore portatile… [traduzione]

Listen to “It’s symbiosis, baby.Read the rest