{#14 e mezzo} In medias res.

Gentili abitanti del vostro specifico ecosistema,
questa newsletter, ancora più estemporanea (eXtemporanea) del solito, ha due scopi dichiarati.

Se siete dalle parti dell’ecosistema di Mantova, invitarvi a fare un giro da noi: ci trovate sempre al gazebo accanto alla Zanzara, qualcuno a gestire i laboratori, qualcun altro a scrivere queste righe. Qualcuno invece non lo troverete perché in giro a registrare il canto dei fiori di loto.

Se non siete dalle parti dell’ecosistema di Mantova, provare a incuriosirvi abbastanza da dare un’occhiata alla nuova sezione del sito del Festival a noi dedicata tramite (un po’ meno di) centouno piccoli dettagli su Scienceground 1.6666…

  • Le illustrazioni del programma di Scienceground 1.66666… di Andrea De Franco.
  • I jingle di apertura e di chiusura della nostra trasmissione radio rispettivamente di ooopopoiooo e di Alberto Motolese.
  • Il Dialogo Coronavirale: un documento semiclandestino in ciclostile e un’occasione di discussione pubblica sulla condizione innominabile, cui seguiranno aggiornamenti sul nostro sito.
  • La mappa naturartificiale dell’ecosistema Mincio, creata in QGIS, che fa da sfondo al progetto sul nuovo sito di Festivaletteratura.
  • La palude del Busatello come persona, intorno a 1h 30′ dell’approfondimento sulla libera lettura di Amitav Ghosh, della quale abbiamo parlato nella scorsa newsletter.
  • L’account iNaturalist di Scienceground, una piattaforma aperta in questi giorni per riconoscere e “mappare” sul territorio le specie animali e vegetali avvistate – per capirci con i più nerd, un Pokédex, ma nella vita reale.
  • Il ritrovamento del testo che testimonia l’esistenza dell’antica Via Fluminis: “Onne huomo, cittadino o forestiero, dee percorrere, capere e lustrare con cognoscenza, sua o altrui, sì che perpetua ne sia fatta la memoria alli descendenti nostri ne li secoli che verranno”.
  • La cabina “cubica e scricchiolante” in cui qualcuno si è imbarcato, in uno di tanti viaggi al tempo del COVID tratteggiati nell’almanacco.
  • Il canale telegram tematico sulle letture libere a stampo fantascientifico ecosistemico.
  • 讓我再見一次大夫 — per i diritti d’autore ci sentiamo poi…
  • «La contraddizione non tardò di saltare all’occhio. L’unico occhio di chi fissava la scena.» I lenti ma inesorabili avanzamenti del Cadavre Exquis, un Algoritmo Umano pubblico, cui chiunque può partecipare.
  • La chiosa finale di stampo fantascientifico e il senso di chiacchiere interrotte al termine dell’incontro con il professor Roberto Danovaro.
  • Il gazebo sul lungolago all’altezza della Zanzara, intorno al quale ogni sera alle 19.00 si radunerà la crew di Scienceground per il rancio.
  • Lo spavaldo arrivo in barca del nostro ospite, il prof. Marco Bartoli.
  • Un po’ dei laboratori e delle attività che ancora non abbiamo fatto, illustrati dai trailer di Festivaletteratura.
  • il Gorgogliare delle giovani danzatrici nella coreografia Sara Ongaro, incontrate lungo la via fluminis sulle rive del Mincio.
  • La casa di Annibale, sede dello streaming improvvisato di domani venerdì 12 alle 14:00 con la filosofa Giulia Rispoli per parlare di antropocene e fantascienza.
  • Il numero, ancora ignoto, della prossima edizione: dopo la prima edizione (n.1), la seconda (n. 2), la terza (n. 1.5), e quella di quest’anno (n. 1.666666…), quale sarà la numerazione di Scienceground nel 2021? Scrivete le vostre risposte sul nostro canale telegram o a scienceground@festivaletteratura.it.
  • Il Lago dei Cigni, ma a Mantova
    .

Per concludere vi ricordiamo di indossare le mani, lavare spesso la mascherina e godervi il viaggio nella vostra nicchia ecologica.

eXtemporanea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.