Matteo Polettini per Slow News

“Da un pezzo me ne sono accorto.
La ragione è sempre
dalla parte del torto.”
Giorgio Caproni, Tutte le poesie (Milano, Garzanti 2013)

Solo pochi mesi fa: nonostante le informazioni sull’epidemia dalla Cina, l’Italia ha tardato a reagire. Solo poche settimane fa: nonostante le notizie dall’Italia, gli Stati Uniti hanno tardato a reagire. Solo pochi giorni fa: la Svezia ha reagito, ammettendo un ritardo. Eccetera.

Perché la montagna di dati e testimonianze elaborati da personale medico, ricercatori, agenzie nazionali e internazionali riesce solo a fatica a tramutarsi in azione – nonostante i prodotti della scienza siano senza orma di dubbio informazione, cioè forma mentis della nostra epoca? Quali elementi della costruzione della conoscenza le impediscono di tradursi in fiducia – portandoci a barattare l’autorevolezza per l’autorità?

A partire da queste domande iniziamo a buttare giù qualche appunto, più per infittirle che per risolverle con delle risposte estemporanee. Se, magari nutriti dai contributi dei lettori di Slow News, i pensieri affollandosi dovessero trovare un ordine e la penna continuare a scorrere, chiederemo di nuovo ospitalità su queste pagine. Senza fretta, ça va sans dire.

[Prosegue su Slow News]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.